Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

itenfrderues

Desideri ricevere informazioni? Clicca qui...

       

Via E. Galli, 1-9, Rione San Vito - 87100 Cosenza (CS)
Telefono: (+39) 0984 34026 - Fax: (+39) 0984 31548
Mail: villadelsole@casadicuravilladelsole.it

Argomenti

Sintomi Tiroide

“Sintomi della tiroide” è un modo improprio per definire i sintomi e i segni delle patologie che colpiscono la ghiandola tiroidea. Prima di procedere con l'elenco delle varie sintomatologie, è utile rivedere brevemente quali sono queste malattie e per cosa si caratterizzano:

L'ipertiroidismo

È la diretta conseguenza di una tiroide troppo attiva e che produce ormoni tiroidei in eccesso, anche quando non ce n'è realmente bisogno. In altre parole, si ha ipertiroidismo quando la ghiandola tiroide produce una quantità di ormoni tiroidei superiore alle esigenze dell'organismo.

L'ipotiroidismo

È l'esatto opposto dell'ipertiroidismo. Quindi, è la diretta conseguenza di una tiroide poco attiva e che non produce una quantità di ormoni tiroidei atta a soddisfare le esigenze dell'organismo.

Il gozzo

È l'ingrossamento patologico generalizzato della tiroide. La sua insorgenza può associarsi a svariati problemi, tra cui anche i sopraccitati ipertiroidismo e ipotiroidismo.

La tiroidite

È l'infiammazione della tiroide. Spesso ha un'origine autoimmune.

I noduli della tiroide

Sono delle protuberanze anomale della ghiandola tiroidea, in genere ben delimitate e circoscritte, aventi più spesso una natura benigna che maligna.

Il cancro della tiroide

È il tumore maligno della tiroide e rappresenta una delle principali cause di tiroidectomia, che è l'intervento chirurgico di rimozione della tiroide.

Sintomi Ipertiroidismo

La presenza di un eccesso di ormoni tiroidei in circolo - indice di ipertiroidismo - induce vari mutamenti:

  • aumenta l'attività cardiaca e il consumo d'ossigeno (dalla prima deriva la seconda),

  • favorisce l'innalzamento della temperatura corporea basale,

  • incrementa l'attività catabolica del metabolismo

  • altera l'equilibrio del sistema nervoso.

Nell'individuo interessato, tali mutamenti sono responsabili di:

  • calo del peso corporeo, a dispetto di un aumento dell'appetito e del cibo introdotto

  • eccessiva sudorazione, cute calda e vellutata, e intolleranza alle alte temperature

  • aumento della frequenza cardiaca, aritmie, palpitazioni, ipertensione e ipertrofia del ventricolo sinistro

  • ansia, nervosismo, irrequietezza, fatica mentale e insonnia

  • fiato corto, astenia (debolezza muscolare), aumento della frequenza respiratoria e tremori alle mani

  • Oftalmopatia di Graves. Questa comporta occhi sporgenti, occhi gonfi e rossi, dolore oculare, sensibilità alla luce, visione doppia e riduzione della motilità oculare

  • capelli fragili, fini e sottili

  • calo della fertilità e del desiderio sessuale

  • anomalie del ciclo mestruale (flussi ridotti o assenti), nelle donne, e ginecomastia, negli uomini

  • accelerato transito intestinale, accompagnato da diarrea

  • ingrossamento della tiroide (gozzo)

  • disturbi del comportamento e difficoltà di apprendimento nei bambini.

Sintomi Ipotiroidismo

Nel feto e nell'essere umano giovane, gli ormoni tiroidei sono fondamentali per il corretto accrescimento corporeo, il giusto sviluppo cerebrale e il regolare accrescimento scheletrico. Di conseguenza, senza un loro apporto adeguato, un individuo di giovane o giovanissima età può presentare un ritmo di crescita estremamente lento, soffrire di dwarfismo (o nanismo ipofisario), manifestare un certo ritardo mentale (il cosiddetto cretinismo) e dimostrare un ridotto sviluppo sessuale.

Nei soggetti di età adulta, le conseguenze dell'ipotiroidismo sono decisamente meno profonde, rispetto alle circostanze precedenti, ma comunque importanti ed evidenti; di norma, consistono in:

  • cute secca e capelli radi e sottili

  • affaticamento fisico e debolezza muscolare cronica (astenia)

  • zone palpebrali e rime ristrette, sopracciglia scarse, bocca semiaperta e lingua ingrossata. Tali segni conferiscono al volto del paziente con ipotiroidismo l'aspetto inconfondibile e poco intelligente della “facies mixedematosa”

  • cute fredda e intolleranza alle basse temperature

  • sonnolenza, letargia, depressione e rallentamento dei processi ideativi

  • stitichezza, aumento del peso corporeo, gonfiore del viso, pallore, anemia, raucedine e abbassamento del tono della voce

  • deficit di memoria

  • diminuzione dell'udito

  • flussi mestruali abbondanti (menorragia)

  • crampi muscolari, rigidità articolare e gonfiore articolare

  • bradicardia (riduzione della frequenza cardiaca), riduzione della forza contrattile del cuore e vasocostrizione

  • aumento dei livelli di lipoproteine a bassa densità (LDL) e trigliceridi nel siero, con conseguente e sensibile aumento del rischio di malattia coronarica.

Sintomi Gozzo

Esistono diversi gradi di gozzo:

  • gozzo diffuso, se c'è un interessamento totale della tiroide

  • gozzo multinodulare, se c'è un interessamento di più aree della tiroide, ma non totale

  • gozzo uninodulare, se c'è un interessamento estremamente limitato della tiroide.

A seconda del grado di gozzo, quest'ultimo può causare:

  • difficoltà di deglutizione (disfagia), dovuta a una compressione e/o deviazione dell'esofago

  • difficoltà di respirazione (dispnea), successiva a una compressione e/o deviazione della trachea

  • difficoltà nell'emissione di suoni (disfonia), conseguente a una compressione e/o deformazione della laringe

  • cefalea

  • esoftalmo (protrusione patologia del bulbi oculari).

Quando il gozzo è accompagnato da ipotiroidismo o ipertiroidismo, il quadro sintomatologico si arricchisce dei sintomi e dei segni che caratterizzano queste due disfunzioni tiroidee descritte in precedenze.

Sintomi Tiroidite

Esistono vari tipi di tiroidite. Il tipo di tiroidite più noto e diffuso è, senza dubbio, la tiroidite di Hashimoto, una malattia di natura autoimmune; la tiroidite di Hashimoto è responsabile, in prima battuta (cioè agli esordi), di un quadro sintomatologico sovrapponibile a quello dell'ipertiroidismo, e, in seconda battuta (cioè in una fase più avanzata), dei sintomi e dei segni tipici dell'ipotiroidismo.

Altre tipologie importanti di tiroidite sono:

  • la tiroidite post-partum, i cui sintomi sono, inizialmente, quelli dell'ipertiroidismo e, in una fase successiva, quelli dell'ipotiroidismo

  • la tiroidite subacuta, che causa gli stessi sintomi dell'ipertiroidismo

  • la tiroidite acuta, che provoca lo stesso quadro sintomatologico dell'ipotiroidismo.

Sintomi Noduli Tiroidei

Nella maggior parte dei casi, i noduli tiroidei sono asintomatici, cioè non causano alcun sintomo. Se però occupano una posizione scomoda, sono di grandi dimensioni o compaiono in modalità multipla, sono potenzialmente in grado di causare sintomi quali:

  • fastidio e, a tratti, vero e proprio dolore, laddove risiedono

  • tiroide di grandi dimensioni, evidenziabile da una tumefazione sul collo

  • difficoltà di deglutizione, dovute alla compressione che esercitano sull'esofago

  • raucedine

  • problemi di respirazione, dovuti alla compressione che esercitano ai danno della trachea.

Inoltre, esiste la non comune possibilità che i noduli tiroidei influenzino l'attività ormonale della tiroide, potenziandola o limitandola; quando i noduli tiroidei potenziano la produzione ormonale della tiroide, sono responsabili di un quadro sintomatologico che ricorda quello dell'ipertiroidismo; quando invece limitano la produzione ormonale della tiroide, sono causa degli stessi sintomi e segni indotti dall'ipotiroidismo.

Sintomi Cancro Tiroide

Asintomatico nelle fasi iniziali, il cancro alla tiroide può evidenziarsi, in una fase successiva, per:

  • l'ingrossamento dei linfonodi laterocervicali

  • la comparsa di raucedine associata alla presenza di gozzo

  • la crescita rapida di un nodulo tiroideo, rappresentante di fatto il tumore maligno

  • la consistenza dura e la scarsa mobilità del sopraccitato nodulo tiroideo

  • alterazioni della voce

  • sintomi di ipotiroidismo.

 

Presso la Casa di Cura Villa del Sole di Cosenza opera il professor PIERO BERTI, Chirurgo Endocrino. 

 

 

 

 

Desideri ricevere informazioni? CLICCA QUI...


Casa di Cura Villa del Sole S.r.l.
Via E. Galli, 1-9, Rione San Vito
87100 Cosenza (CS)
Telefono: (+39) 0984 34026
Fax: (+39) 0984 31548
villadelsole@casadicuravilladelsole.it

Newsletter

La Casa di Cura Villa del Sole presta una costante attenzione alla propria Clientela. Quale delle seguenti opzioni preferisci per descrivere il tuo livello di gradimento per i Servizi della Casa di Cura Villa del Sole. Grazie per la collaborazione.


Casa di Cura Villa del Sole S.r.l.
Via E. Galli, 1-9 - Rione San Vito - 87100 Cosenza (CS)
Telefono: (+39) 0984 34026 - Fax: (+39) 0984 31548
Mail: villadelsole@casadicuravilladelsole.it
Indirizzo PEC: villadelsole@pec.it
Sito Web: casadicuravilladelsole.it
Partita Iva: 00963660782

L'autore del sito non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo
© Copyright - 2022 - Tutti i diritti riservati







Powered by








Search